top of page

Buon Samhain! Ovvero, Halloween.

Per il calendario celtico, coincide con l’inizio del nuovo anno e il passaggio alla stagione fredda.


🎃 In realtà Halloween è una tradizione antichissima, che nasce in Irlanda: i celti la chiamavano Samhain e corrispondeva al capodanno. Era un modo per festeggiare la Natura e celebrare il legame che l'uomo ha con Madre Terra.


In principio, tutti i popoli hanno sempre avuto uno stretto legame con la terra e i suoi cicli, sapevano che la loro vita era influenzata e completamente dipendente dalla Natura e si adattavano al passare delle stagioni.

Consapevoli di questa relazione con la Natura tutta, i celti suddividevano il tempo in cicli, il cui inizio era celebrato come una vera festa:



• il 30 aprile o il 1 maggio corrispondeva a Beltane, la primavera

• il 21 giugno a Litha, il solstizio d’estate

• l’1 agosto a Lughnasadh, che celebrava la festa del raccolto

• il 21 settembre a Mabon o l’equinozio d’autunno

• il 21 dicembre si celebrava Yule, o il solstizio di inverno,

• l’1-2 febbraio Imbolc, la nostra Candelora, e Ostara

• il 21 marzo che corrisponde al nostro equinozio di primavera.


Anche il 31 ottobre e l’1 novembre erano giorni di festa per i celti: era infatti il giorno del loro capodanno.

Samhain, significa “fine dell’estate” era il periodo dell’anno nel quale si poteva vivere in maniera meno frenetica, avendo già racconto frutti e ortaggi, arato i campi, fatto scorte di foraggio per il bestiame e preparato scorte per la famiglia da consumare nei mesi freddi. In Natura questa è apparentemente una stagione di morte e calma, ma nasconde la rigenerazione sotterranea, in attesa della rinascita a primavera.

Il capodanno celtico, imitando il ciclo naturale, era incentrato sulla celebrazione della morte.


Halloween è la trasposizione americana della festa celtica: molti irlandesi, durante la terribile ondata di carestia che colpì l’isola nel XIX secolo, emigrarono negli Stati Uniti, dove continuarono a festeggiare le proprie tradizioni, compreso anche Sanhaim-Halloween.

In pochi anni divenne una celebrazione talmente sentita che fu istituita come festa nazionale.



Una celebrazione profonda, legata alla Natura e ai suoi cicli, si è trasformata in una festa che ha purtroppo completamente perso il proprio significato.

Quando i primi cristiani arrivano in Irlanda si convinsero ottusamente che i celti fossero un popolo che faceva sacrifici per invocare le forze del male, e tentarono di sradicare le loro millenarie tradizioni. Per eliminare definitivamente Samhain i romani istituirono la festa di Halloween, cioè la notte di Ognissanti, che originariamente veniva celebrata il 13 maggio.

Samhain è una buona occasione per riconnettersi a Madre Terra, per ritrovare quel contatto che molti hanno ormai perso.

Questa stagione è ottima per fare introspezione, scendere nella propria interiorità, buttare ciò che è morto per far spazio a nuovi semi che germoglieranno in primavera, proprio come fa la natura.


L'inizio della stagione del buio è un ottimo periodo per liberarsi dalle convinzioni e dalle cose che non ci servono più, quelle che rallentano e non permettono di progredire nel proprio percorso evolutivo.


Facciamo spazio al nuovo, facciamo spazio per il futuro.


Buon Samhain!

ARS•DIVINA

276 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page